unitalsi.info
uniltasi.it Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali  
HOME CHI SIAMO   •   VIVERE LA CHIESA   •   PELLEGRINAGGI   •   PROTEZIONE CIVILE VIDEO
  SERVIZIO CIVILE   •   ATTIVITA’   •   PROGETTI DI CARITA’   •   FRATERNITA’   •   CONTATTI AREA UTENTI
         
 
ATTIVITA’
Ufficio Stampa > Comunicati 2016 Pagina 73 di 96  Precedente  |  Successiva
 
 
• Giornata Nazionale
• Le nostre campagne
• Eventi UNITALSI
• Volontariato al Salus
• L’Angolo di Ippocrate
• Ufficio Stampa
• Comunicati 2016
• Comunicati 2015
 
 
Android app on Google Play
 
 
 
 
 
Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 
 
Presentato dossier sul nuovo profilo dei pellegrini in viaggio verso i santuari

Nella seconda fase del progetto UNITALSI tenutosi presso la Fraterna Domus dal 14 al 17 aprile, mirato alla formazione di 40 volontari - provenienti dal centro Italia e dalla Calabria - dal punto di vista sanitario, catechistico e psicopedagogico in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia, è stato presentato un dossier riguardante le patologie sanitarie delle quali sono affette le persone che scelgono di effettuare pellegrinaggi: rilevante la presenza sempre maggiore di giovani tra i 14 ed i 35 anni con disturbi di tipo prevalentemente psicologico e/o psichiatrico.

L’incidenza di un forte malessere sociale, oltre a conclamate patologie cardiovascolari, neurologiche e del connettivo (le più rappresentate dai dati Unitalsi) inducono a pensare che tra i giovani ci sia un forte disagio che trova nuovo conforto nella fede.

Monsignor Augusto Chendi, Sotto-Segretario del Pontificio Consiglio degli Operatori Sanitari, ha detto: “La presenza di tanti giovani al progetto Per-corsi tra scienza ed etica per l’integrazione della persona mi riempie di gioia e provo grande riconoscenza per l’UNITALSI e per la sua capacità di aggregazione.Le numerose problematiche psicologiche che affliggono i ragazzi oggi trovano sostegno nell’UNITALSI che riesce a sostenere i giovani più fragili con altri giovani, e questo è un grandissimo merito ed una grande missione”.

In conclusione Federico Baiocco, responsabile nazionale medici UNITALSI ha sottolineato: “Noi puntiamo sui giovani: in questa seconda fase del percorso abbiamo visto tanti ragazzi, sull’entusiasmo e la volontà dei quali vogliamo e dobbiamo costruire il futuro dell’associazione, mostrando come l’accettazione delle proprie fragilità renda possibile sostenere le fragilità altrui e crerare nuovi percorsi”

La prossima fase del progetto è prevista dal 12 al 15 maggio 2016. 
 
 
     
  www.unitalsi.info Credits