unitalsi.info
uniltasi.it Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali  
HOME CHI SIAMO   •   VIVERE LA CHIESA   •   PELLEGRINAGGI   •   PROTEZIONE CIVILE VIDEO
  SERVIZIO CIVILE   •   ATTIVITA’   •   PROGETTI DI CARITA’   •   FRATERNITA’   •   CONTATTI AREA UTENTI
         
 
ATTIVITA’
Ufficio Stampa > Comunicati 2016 Pagina 43 di 96  Precedente  |  Successiva
 
 
• Giornata Nazionale
• Le nostre campagne
• Eventi UNITALSI
• Volontariato al Salus
• L’Angolo di Ippocrate
• Ufficio Stampa
• Comunicati 2016
• Comunicati 2015
 
 
Android app on Google Play
 
 
 
 
 
Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 
 
GENOVA: ANCHE L’UNITALSI AL 26° CONGRESSO EUCARISTICO NAZIONALE

Per questo importante avvenimento mobilitata la Sezione Ligure e in particolare le sottosezioni di Genova, Arenzano e Chiavari

Da giovedi 15 fino a domenica 18 settembre si svolgerà a Genova il 26° Congresso Eucaristico Nazionale.
L’Eucaristia sorgente della missione: «Nella tua Misericordia a tutti sei venuto incontro» è il tema attorno al quale si ritroveranno, nel capoluogo ligure, delegazioni provenienti dalle diocesi di tutta Italia.

L’U.N.I.T.A.L.S.I. sarà rappresentata dalle sottosezioni di Genova, Arenzano e Chiavari che prenderanno parte ai momenti più significativi di questo importante evento della Chiesa Italiana: la Santa Messa di apertura questa sera, l’Adorazione Eucaristica di sabato al porto della città e la Santa Messa conclusiva di domenica.

Per tale occasione la sottosezione di Genova hanno preparato un messaggio speciale sul rapporto tra “sofferenza ed Eucarestia” rivolto idealmente a tutti i partecipanti al Congresso Eucaristico (leggi l’allegato).

In particolare il programma prevede alle ore 20.30 di questa sera in piazza Matteotti, la S. Messa di apertura del Congresso (diretta su Tv2000), che sarà presieduta dal Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova e Inviato Speciale del Santo Padre per l’evento.

Domani, nello spirito dell’Anno Giubilare, sarà caratterizzato dalla visita dei delegati a 46 luoghi simbolici, dove le 14 opere di misericordia spirituale e corporale vengono esercitate quotidianamente: carceri, ospedali, centri di accoglienza e di ascolto, scuole, mense per i poveri.

Particolarmente suggestivo si annuncia l’appuntamento principale di sabato 17: a partire dalle ore 16.45 si svolgerà (con diretta su Tv2000) una solenne Adorazione Eucaristica nella cornice del Porto Antico. Il Ss.mo Sacramento sarà portato a bordo di una motovedetta della Capitaneria di Porto che nei mesi scorsi è stata impegnata in missioni di soccorso ai profughi

La S. Messa conclusiva, preceduta dalla processione delle Confraternite italiane, si svolgerà in piazzale Kennedy alle ore 10.30 di domenica 18 (diretta su RaiUno e Tv2000) e sarà presieduta dal Cardinale Bagnasco.

Le giornate del Congresso Eucaristico saranno segnate dall’alternarsi di proposte spirituali (tra cui le catechesi di 8 vescovi, celebrazioni penitenziali e l’adorazione eucaristica notturna nella chiesa di San Matteo) e culturali (visite guidate alla città).
Nelle due serate di venerdì 16 e sabato 17 sono in programma rispettivamente un concerto presso il Teatro Carlo Felice e una serata in piazza Matteotti animata dai giovani delle diocesi liguri.

“Un evento centrale – spiega ANTONIO DIELLA, presidente nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I. - per tutta la Chiesa italiana che pone l’attenzione sull’Eucarestia come sorgente della missione, che è un aspetto fondante di tutta la nostra Associazione. E’ la linfa che ci permette ogni giorno, con coraggio e grande forza, di essere accanto a chi è più fragile trasformandoci in veri e propri messaggeri di misericordia”.

“Sono particolarmente soddisfatta – aggiunge GEMMA MALERBA, presidente della Sezione Ligure dell’U.N.I.T.A.L.S.I. - perché la sottosezione di Genova da tempo sta lavorando con entusiasmo a questo importante appuntamento ecclesiale. Un grazie speciale anche alle sottosezioni di Chiavari e Arenzano che saranno presenti alla tre giornate del Congresso Eucaristico durante il quale porteremo la nostra testimonianza di chi vive ogni giorno accanto a chi è malato o diversamente abile con quella gioia tutta cristiana che prende vita proprio dall’Eucarestia che sa trasformare la sofferenza in speranza”.

“Ai sofferenti - spiega ANNA DECRI, presidente della sottosezione U.N.I.T.A.L.S.I. di Genova - nel corpo e nello spirito che sono sostenuti dalla nostra associazione abbiamo chiesto quale fosse dal loro punto di vista la valenza dell’Eucarestia. Svariate le risposte, ma su tutte ha prevalso: <>. Chi soffre è un essere fragile che con l’eucarestia impara a vivere con la certezza che il Signore gli vuol bene, non perché lo fa soffrire, ma perché ha accettato di condividere un dolore nel quale c’è anche il suo. Questo sarà idealmente il nostro slogan in questi giorni così densi di segni e significati”. 
Leggi la lettera ai sofferenti Leggi la lettera ai sofferenti
 
 
     
  www.unitalsi.info Credits