unitalsi.info
uniltasi.it Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali  
HOME CHI SIAMO   •   VIVERE LA CHIESA   •   PELLEGRINAGGI   •   PROTEZIONE CIVILE VIDEO
  SERVIZIO CIVILE   •   ATTIVITA’   •   PROGETTI DI CARITA’   •   FRATERNITA’   •   CONTATTI AREA UTENTI
         
 
ATTIVITA’
Ufficio Stampa > Comunicati 2016 Pagina 38 di 96  Precedente  |  Successiva
 
 
• Giornata Nazionale
• Le nostre campagne
• Eventi UNITALSI
• Volontariato al Salus
• L’Angolo di Ippocrate
• Ufficio Stampa
• Comunicati 2016
• Comunicati 2015
 
 
Android app on Google Play
 
 
 
 
 
Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 
 
A Lourdes il convegno medici UNITALSI su Costituzione Italiana e Salute
Si terrà  giovedì 29 settembre 2016, alle ore 14,30 presso la sala Giovanni XXIII, nel santuario di Lourdes (Francia), il convegno "La Costituzione italiana e la salute"promosso dal Servizio Medico nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I.

L’incontro avviene in occasione del Pellegrinaggio nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) che si tiene nella cittadina francese dal 25 settembre al 1 ottobre 2016.

Saranno MARIO MELAZZINI, presidente di AIFA e PADRE FRANCESCO OCCHETTA, scrittore della Civiltà Cattolica a confrontarsi sul tema "La costituzione Italia e la salute". Coordina FEDERICO BAIOCCO, responsabile Servizio Medico nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I.

Previsti i saluti di ANTONIO DIELLA, presidente nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I. e di ALESSANDRO DE FRANCISCIS, presidente Bureau des Constatations Medicales di Lourdes.

"La nostra Associazione – spiega ANTONIO DIELLA, Presidente Nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I. - vive ogni giorno un’esperienza di fede anche per sottolineare con il nostro impegno il diritto alla salute del malato. Per il credente oltre alla medicina anche i gesti più banali sono terapeutici: la mano del malato che si posa sul letto, una carezza sul volto, una parola di conforto sono segni tangibili della nostra presenza accanto a chi soffre. In questo senso vogliamo leggere gli articoli 2, 3 e 32 della Costituzione passando da una sola visione paternalistica ad una più completa che rispetti l’uomo in ogni sua espressione fondamentale".

"Sicuramente il nostro sistema – aggiunge FEDERICO BAIOCCO, Responsabile Nazionale Medici U.N.I.T.A.L.S.I. - garantisce il diritto alla cura a tutti quanti senza distinzioni e questo è già un grande segnale di attenzione verso il cittadino. Il nostro slogan è quello di cedere il passo per esser accanto a chi è più lento e in difficoltà come nel caso di chi è malato. L’obiettivo come servizio medico dell’U.N.I.T.A.L.S.I. è quello sì di curare, ma anche di fare in modo che i malati possano essere assistiti e ascoltati con uno sguardo ampio e completo che comprenda tutte le necessità umane come quella spirituale, psicologica ed anche emotiva. Proprio per questo abbiamo voluto questo convegno a Lourdes come un’ulteriore tappa di formazione per tutto il personale sanitario dell’Associazione".

"L’articolo 32 della Costituzione – spiega Padre FRANCESCO OCCHETTA, scrittore de "La Civiltà Cattolica" - che disciplina la salute è stato presentato il 19 aprile 1947 in Assemblea costituente. Per i costituenti la tutela della salute è un diritto per ciascuno e un interesse di tutti. È l’unico caso in cui il testo costituzionale qualifica espressamente un diritto come fondamentale delineando il sistema di tutela, l’equilibrio e il bilanciamento con gli altri valori costituzionali".

"Per la tradizione del cattolicesimo democratico – aggiunge OCCHETTA - che ha scritto l’articolo della Costituzione, rappresentata da Aldo Moro, il fine dell’azione sanitaria è quello di occuparsi della salute — dal latino salus — che è la salvezza integrale dell’ammalato. Ci ricorda come farsi prossimo significhi avvicinarsi negli spazi più intimi dell’ammalato affinché le parole inizino a lasciare spazio all’incontro".

"In questi ultimi anni la salute va oltre la semplice condizione fisica, ma include l’equilibrio psicologico, l’equilibrio emotivo (serenità), una buona capacità relazionale. Il sistema sanitario italiano è all’avanguardia, ha fino ad ora cercato di attuare le intenzionalità dei costituenti. Tuttavia – conclude Padre OCCHETTA - ci sono dei segnali che vanno monitorati come il cambio del nome dal Ministero della sanità a quello della salute che si concentra sulla tecnica la cura piuttosto che fondarsi sulla personalizzazione". 
 
 
     
  www.unitalsi.info Credits