unitalsi.info
uniltasi.it Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali  
HOME CHI SIAMO   •   VIVERE LA CHIESA   •   PELLEGRINAGGI   •   PROTEZIONE CIVILE VIDEO
  SERVIZIO CIVILE   •   ATTIVITA’   •   PROGETTI DI CARITA’   •   FRATERNITA’   •   CONTATTI AREA UTENTI
         
 
ATTIVITA’
Ufficio Stampa > Comunicati 2016 Pagina 3 di 96  Precedente  |  Successiva
 
 
• Giornata Nazionale
• Le nostre campagne
• Eventi UNITALSI
• Volontariato al Salus
• L’Angolo di Ippocrate
• Ufficio Stampa
• Comunicati 2016
• Comunicati 2015
 
 
Android app on Google Play
 
 
 
 
 
Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 
 
STRAGE BERLINO, UNITALSI VICINA ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME, CONTINUARE A CREDERE NELLA PACE
Oggi momento di preghiera, presieduto da mons. Bressan, dedicato a fatti in Germania

"Oggi in occasione della Messa di Natale presieduta dal nostro assistente, Mons Luigi Bressan abbiamo pensato di dedicare un momento di preghiera alle vittime di Berlino. In questi momenti occorre credere con maggiore convinzione nella pace che è l’unica vera strada per costruire un ponte tra i popoli e le religioni".

È quanto dichiara ANTONIO DIELLA, presidente nazionale UNITALSI, in merito ai tragici fatti di ieri sera Berlino. Oggi a Roma presso la chiesa di San Giovannino si terrà la Santa Messa di Natale UNITALSI, presieduta da mons. Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento e assistente ecclesiastico dell’U.N.I.T.A.L.S.I. Per tale occasione si terrà un momento di preghiera in ricordo di quanti hanno perso la vita ieri sera nella capitale tedesca.

"Si sta per chiudere un anno difficile - aggiunge DIELLA - costellato da tante, troppe, notizie di violenze, cataclismi che sembrano cancellare in apparenza la forza di quel bene che non fa notizia, che invece ogni giorno viene portato avanti da tanti uomini e donne in Italia e nel resto del mondo. Proprio in questo giorno di riflessione chiedo alla nostra Associazione di continuare questo lavoro silenzioso accanto agli ultimi e ai più fragili. Anche questo è un metodo efficace e duraturo per sostenere la pace". 
 
 
     
  www.unitalsi.info Credits