unitalsi.info
uniltasi.it Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali  
HOME CHI SIAMO   •   VIVERE LA CHIESA   •   PELLEGRINAGGI   •   PROTEZIONE CIVILE VIDEO
  SERVIZIO CIVILE   •   ATTIVITA’   •   PROGETTI DI CARITA’   •   FRATERNITA’   •   CONTATTI AREA UTENTI
         
 
ATTIVITA’
Eventi UNITALSI Pagina 6 di 14  Precedente  |  Successiva
 
 
• Giornata Nazionale
• Le nostre campagne
• Eventi UNITALSI
• Volontariato al Salus
• L’Angolo di Ippocrate
• Ufficio Stampa
 
 
Android app on Google Play
 
 
 
 
 
Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 
 
Como, 13 giugno 2010: l’arte accessibile a tutti
L’Unitalsi Sezione Lombarda, in collaborazione con la Pastorale della Salute della Diocesi di Como, ha organizzato una interessante iniziativa, per "vivere l’arte senza barriere".
Il prossimo 13 giugno 2010, infatti, sarà possibile visitare a Como, presso la splendida Villa Olmo (nella foto), la mostra “Rubens e i fiamminghi”.

Ciò che rende particolare questo evento rispetto ad una comune mostra d’arte è proprio la opportunità offerta anche agli amici in difficoltà di superare ogni tipo di disagio architettonico.
L’arte per tutti. Una iniziativa di sicuro richiamo, che la troupe audiovisiva di www.unitalsi.it documenterà per favorirne la condivisione attraverso il sito internet.

Vi proponiamo, sul tema, l’intervista al Presidente della Sezione Lombarda Unitalsi, Germano Benedusi, pubblicata sul portale www.bergamonews.it.

Presidente Benedusi, non più solo ai santuari, dunque, ma anche alle mostre d’arte?
«Voglio premettere che i santuari, in Italia e nel mondo, sono di regola anche luoghi d’arte, ma è vero che a Como il 13 giugno sperimenteremo, come sezione Lombarda, un territorio inconsueto per la nostra attività, la cui missione resta il trasporto degli ammalati ai santuari mariani; l’occasione però di offrire a chi è in carrozzina una possibilità squisitamente culturale ci è sembrata un’opportunità da non trascurare, tanto più avendo ravvisato una particolare sensibilità nel Sindaco di Como Stefano Bruni, che sta favorendo l’iniziativa e potendo contare per la logistica sulla Casa Don Guanella del capoluogo lariano».

Una buona combinazione, ma perché proprio Como e questa mostra?
«Sulla mostra credo che ci sia poco da aggiungere: il richiamo esercitato dal nome di Rubens è potente; quanto a Como, ‘capitale’ dell’opera guanelliana, e Don Luigi Guanella è compatrono dell’Unitalsi, abbiamo trovato già in sede di proposta un’accoglienza perfino superiore alle attese».

Quanti saranno i disabili in visita alla mostra?
«Un centinaio; poiché saranno in carrozzina, con relativo accompagnatore, è una bella scommessa anche per una mostra d’arte. L’accesso è previsto naturalmente a piccoli gruppi, ma già giungere sul posto, percorrendo la passeggiata a lago che conduce a Villa Olmo, costituirà parte integrante di una giornata particolare, non disgiunta dai nostri precipui valori: alla Casa Don Guanella, dove è previsto il pranzo, saranno visitati anche il santuario e il museo guanelliani, perché fede e cultura si possono e devono coniugare».

L’organizzazione è a punto?
«Mi si lasci dire che all’Unitalsi muoviamo treni “bianchi” di quasi duemila ammalati, senza per questo sottovalutare una trasferta sia pure di tanti disabili in carrozzina, provenienti in gran parte dalla Lombardia. Anzi, la natura sperimentale dell’iniziativa attesta che le dedicheremo particolare attenzione; ma sul fronte della logistica vantiamo un’esperienza che ci permette di affrontare con la massima serenità un impegno nel quale naturalmente crediamo molto».

Potrebbe avere un seguito?
«S’immagina un pubblico in carrozzina, almeno in parte, alla Scala? Noi dell’Unitalsi sì».

 
 
     
  www.unitalsi.info Credits